Mercoledì delle ceneri, perchè si chiama così e perchè inizia la Quaresima

2 min read

Dopo il “martedì grasso” ossia l’ultimo giorno di carnevale, il giorno dopo, mercoledì tutto cambia, perchè tradizionalmente inizia la Quaresima, il periodo che precede la Pasqua. Ma perchè si chiama “Mercoledì delle Ceneri” e perchè da il via alla Quaresima ? Il rito delle ceneri, è di origine antica e si fa risalire a quella che era la celebrazione pubblica della penitenza e costituiva di fatto il rito che dava il via al cammino di penitenza per i fedeli che poi sarebbero stati assolti il Giovedì Santo. Dal punto di vista prettamente biblico, c’è un passo del libro della Genesi (Gen. 3,19) che recita così: “Ricordati uomo, che polvere sei e polvere ritornerai”.

Per quanto riguarda la “cenere”, essa viene ricavata dai ramoscelli d’ulivo benedetti nella Domenica delle Palme dell’anno precedente, questi vengono bruciati e la cenere che ne viene fuori viene dapprima benedetta e poi cosparsa sul capo dei fedeli segnando segnando una croce. Questo gesto viene usato sia per indicare al fedele di quanto riporta Genesi 3,19 e poi per ricordare al fedele che da quel momento in poi bisognerà fare un percorso di penitenza e di conversione. Inoltre in questo giorno, così come per il Venerdì Santo”, la chiesa prescrive digiuno e astinenza soprattutto dalle carni.

Il Mercoledì delle Ceneri dunque apre le porte alla Quaresima. Quest’ultima ha la reputazione di essere un periodo “triste” quasi buio, forse perchè in passato vi erano pratiche davvero impensabili al giorno d’oggi, come flagellazioni, umiliazioni, digiuni al limite dell’umano ecc. Tuttavia, si è visto che tutto ciò serve a ben poco se poi non si riflette realmente su quello che è la Quaresima. Quest’ultima deve essere vista non come un periodo triste e grigio ma bensì come una palestra, un momento in cui allenare a vivere nel migliore dei modi la propria vita cristiana. Riflettere, pregare, fare un esame di coscienza e cercare di mettere in pratica gli insegnamenti cristiani. E poi si sa, nulla si ottiene con facilità ma dopo una lunga scalata la vista poi sarà meravigliosa.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *