Abbazia di San Martino delle Scale: tutto il suo fascino in un documentario

3 min read

Gustoso e accattivante il mix di storia, archeologia, musica, arte, artigianato, fede: una sapiente miscela di argomenti, quelli che verranno articolati nella narrazione del documentario Il Respiro del Tempo. L’abbazia di San Martino Delle Scale, realizzato da EsperienzaSicilia.it insieme a Weglint, con il supporto di RodoArte ONLUS, della comunità monastica di San Martino Delle Scale, della Società Cooperativa Archeologica ArcheOfficina, dell’associazione Hora Benedicta e dell’associazione di rievocazione storica La Fianna, con i permessi concessi dal Fondo Edifici di Culto del Ministero degli Interni (ente proprietario dell’abbazia) e del Club Alpino Siciliano.

Si parlerà della storia pluri-secolare dell’abbazia e delle sue evidenze archeologiche, grazie agli interventi della prof.ssa. Patrizia Sardina (docente di Storia Medievale all’Università di Palermo) e dell’archeologa Daniela Raia (Soc. Coop. ArcheOfficina), tracciando dei collegamenti con il cosiddetto “Castellaccio” che sorge sul Monte Caputo (di proprietà del Club Alpino Siciliano), ma anche con i ruderi di Portella Sant’Anna e l’antica abbazia femminile di Santa Maria Delle Vergini, edificio sorto nella città di Palermo nel Basso Medioevo e purtroppo distrutto durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Interverrà anche Belinda Giambra, restauratrice, che parlerà dei laboratori di restauro ancora attivi all’interno della struttura abbaziale; ma anche il maestro organista Giovan Battista Vaglica, un musicista innamorato del proprio mestiere che illustrerà la funzione che ha un organo, come quello presente all’interno della chiesa del monastero, per una comunità monastica come quella che risiete tutt’oggi a San Martino.

Carmelo Di Fatta, vice-presidente dell’associazione Hora Benedicta, parlerà invece dell’ideazione delle ricette che riguardano la speciale birra d’abbazia, e di come l’associazione locale di mastri birrai miri a intervenire su ogni aspetto che sia utile alla valorizzazione culturale del complesso religioso.

In ultimo, interverranno anche l’abate don Vittorio Rizzone e il giovane monaco don Riccardo Tumminello, di appena venticinque anni, che parleranno del loro punto di vista in merito al senso della vita monastica nel XXI Secolo.

Ogni documentario racconta una storia – sottolinea Lorenzo Mercurio, antropologo, fondatore di EsperienzaSicilia.it – e ogni storia predilige alcuni argomenti e ne tralascia necessariamente altri. In questo lavoro abbiamo cercato di correlare diversi aspetti che riguardano l’abbazia di San Martino, concentrandoci su una continuità tra la sua interessante storia e i tempi presenti, attraverso la chiave di lettura della bellezza e della poesia”.

Con la voce narrante di Alessandra Gioè (antropologa, collaboratrice di EsperienzaSicilia.it) e dell’artista Ninni Motisi (nella lettura degli scritti di Johann Wolfgang Goethe, in merito al soggiorno del letterato tedesco presso la struttura abbaziale di San Martino alla fine del XVIII Secolo), il documentario desidera dare un contributo narrativo importante per dare ulteriore slancio alla valorizzazione di un bene dal grandissimo valore storico e religioso, oggi sede dell’unica comunità benedettina in Sicilia.

Il documentario sarà proiettato la sera di Venerdì 22 Luglio, alle ore 21, nella splendida cornice del chiostro di San Benedetto, presso la stessa abbazia di San Martino Delle Scale, con ingresso gratuito. Il 23 Luglio, sarà altresì pubblicato gratuitamente online sui canali web di EsperienzaSicilia.it.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.