Scoperta tra Pozzallo e Ispica una nave “lapidaria”, la soprintendenza del mare al lavoro

2 min read
Qualche mese fa, era stato segnalato alla Soprintendenza del mare, da Antonino Giunta, collaboratore esterno della Sopmare, che tra Pozzallo e Ispica potessero essere presenti alcuni siti di probabile interesse culturale. Così la Soprintendenza, dopo la segnalazione ha pertanto effettuato un sopralluogo e documentato l’area.

Lavoro “interforze”

Dopo la segnalazione, si è messa in moto la macchina per organizzare il sopralluogo. L’equipe era

La squadra

formata da Fabrizio Sgroi e Claudio Di Franco della Soprintendenza del mare, dal ten. di Vascello Giuseppe Simeone, comandante del Nucleo sommozzatori della Capitaneria di Porto di Messina insieme ad altri sub, dal capitano di fregata della Guardia Costiera di Pozzallo, Pierluigi Milella, e dall’equipaggio della motovedetta che ha fornito il supporto logistico, da Gaetano Lino, Salvatore Ferrara e Giampiero Tomasello, subacquei dell’associazione BCsicilia.

Il carico

Nel corso delle immersioni subacquee, che si sono svolte ad un miglio circa dalla costa e ad una profondità di una decina di metri, è stata riscontrata la presenza di numerosi blocchi di materiale lapideo lavorati e semilavorati costituenti probabilmente il carico di una lapidaria. Le navi lapidarie, mediamente lunghe dai 25 ai 40 metri e capaci di trasportare fra le cento e le trecento tonnellate, erano imbarcazioni appositamente rinforzate per reggere pesi enormi.
Si è proceduto al prelievo di un campione da uno dei blocchi al fine di effettuare un esame petrografico finalizzato all’individuazione del litotipo, il tipo di pietra, per determinarne l’attribuzione e la cava da cui è stata estratta.

Le parole della Soprintendente

“Questa Soprintendenza – ha dichiarato Valeria Li Vigni, Soprintendente del Mare – procederà ad una indagine più approfondita del sito individuato tra Pozzallo e Ispica, al fine di circostanziare ulteriori dati archeologici e contestualmente effettuerà analisi e ricerche volte alla ricostruzione del contesto storico, alla identificazione dell’imbarcazione e al periodo in cui l’interessante carico, composto da blocchi di materiale lapideo, è affondato”.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.