Natale 2020: una bella storia che arriva da una nota borgata marinara di Palermo

3 min read

La bella storia che ci arriva direttamente in redazione è quella della Dottoressa Maria Concetta Abbene che si lega a doppio filo con la parrocchia SS. Crocifisso della borgata di Acqua Dei Corsari. Ci troviamo presso una delle borgate marinare, la prima per chi arriva da est, di Palermo dove è presente un numero abbastanza alto di persone residenti in quella zona all’interno della quale ci sono diverse problematiche sociali, lavorative e talvolta anche sanitarie. Tuttavia la situazione è resa meno difficile da chi come la Dottoressa Abbene e Padre NNaemeka  Nwogu, uniscono le proprie forze per aiutare chi ha bisogno specialmente in questo periodo di emergenza sanitaria. Proprio questa dicotomia da vita ed esprime ciò che l’evangelista Matteo (25:40) scrive: “E il Re, rispondendo, dirà loro: In verità vi dico che in quanto l’avete fatto ad uno di questi miei minimi fratelli, l’avete fatto a me”. La pandemia che ha spiazzato tutti ma davvero tutto, ci ha colti anche impreparati sotto certi aspetti ma la sinergia che è nata tra il medico e la parrocchia ha permesso di eseguire i vaccini antinfluenzali con il minimo rischio evitando soprattutto assembramenti. Riceviamo e pubblichiamo questa lettera, un testo che in questo periodo pandemico può dare un incentivo a poter fare di più.

La lettera

Carissima redazione…..in tempi in cui si vive una esperienza del tutto nuova e problematica sotto diversi aspetti , occorre moltiplicare il lavoro e cercare e trovare delle soluzioni rapide, efficaci, che mettano al riparo il più possibile la salute fisica dei cittadini e che possano contenere anche la loro comprensione e ansia e preoccupazione nel trovarsi in una situazione non conosciuta.

Il personale sanitario  al pari ha dovuto imparare velocemente ed esporsi in prima persona.

Presentandosi il periodo della campagna vaccinale per l’influenza si poneva il problema di non concentrare centinaia di persone nello stesso ambiente onde ridurre al minimo il rischio di contagio da covid 19.

Il mio studio , così come  tutti gli studi di medicina generale, è un ambiente piuttosto ristretto e non si presta ad una emergenza del genere.

Ecco allora che bisognava pensare ad una altra possibile soluzione, ovvero cercare un ambiente  più grande e ben arieggiato dove potere organizzare , in modo scaglionato, la somministrazione dei vaccini antiinfluenzali  ai pazienti.

Chi meglio della chiesa poteva rispondere a questa esigenza visto che Storicamente la chiesa da sempre ha avuto un ruolo chiave nella gestione della cura del malato  ….e quindi, mi sono rivolta a Padre NNaemeka  Nwogu amministratore della parrocchia SS. Crocifisso della borgata di Acqua Dei Corsari che subito mi ha dato la possibilità di utilizzare un grande salone al piano terra, ben arieggiato e con grandi spazi esterni.

A Padre NNaemeka  NWOGU va la mia massima gratitudine per avermi  dato la disponibilità di uno spazio adeguato grazie a cui con previa comunicazione all’ASP si è garantito a più di 300 miei pazienti di potere essere vaccinati in sicurezza  riducendo al massimo il rischio di contagio e di assembramento.

Oltre a Padre NNaemeka vorrei rimgraziare l’intera comunità della parrocchia SS. Crocifisso di Acqua dei Corsari che pazientemente e nel rispetto delle regole anticovid, hanno atteso il loro turno per accedere a questo importante momento di tutela della propria e dell’altrui salute .

 

Dottressa Maria Concetta Abbene

Medico di Medicina Generale in Palermo

Con studio in Via Messina Marine 550 Palermo

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.