A Termini Imerese si ripuliscono i fondali marini grazie progetto del CO.GE.PA

2 min read
Licia Fullone

È ufficialmente partito il progetto del CO.GE.PA. “Golfo di Termini Imerese” finanziato dall’Assessorato regionale per la Pesca a valere sulla Misura 1.40 del PO FEAMP 2014/2020, per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti marini, nonché per la rimozione dai fondali degli attrezzi da pesca abbandonati.

Grazie al Protocollo di collaborazione firmato nel 2019 dall’allora vicesindaco Licia Fullone, Termini Imerese può usufruire di una grande opportunità. “La tutela dell’ambiente dovrebbe essere una priorità per qualsiasi amministratore comunale, abbiamo bisogno di azioni concrete come questa che consentirà di ripulire i nostri fondali da tonnellate di rifiuti speciali, pericolosi soprattutto per vita degli organismi marini” il commento di Licia Fullone, oggi consigliere comunale di Fratelli d’Italia.

Questa mattina un’equipe di operatori subacquei, biologi marini e pescatori a bordo del Mp Leonella del comandante Angelo La Mantia, ha recuperato un ingente quantitativo di reti fantasma da un relitto di un peschereccio affondato.

Il dott. Marco Toccacieli coordinatore tecnico scientifico del progetto: “Sono veramente orgoglioso del lavoro svolto da tutti gli operatori che hanno recuperato circa una tonnellata di reti, fra cui una rete a strascico e diversi tremagli e lenze che, purtroppo, proseguivano la inutile cattura di organismi marini. Le attività continueranno nei prossimi giorni su altre grandi reti individuate sui fondali, insieme alla raccolta dei rifiuti marini da parte dei pescatori aderenti al progetto. Analoga iniziativa partirà a breve nel settore occidentale della provincia di Palermo con il CO.GE.PA. Palermo Ovest“.

 

Le immagini

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.