A Palermo si inaugura la mostra Coppe di stelle nel cerchio del sole

2 min read

Tutto è pronto per l’apertura al pubblico della mostra Coppe di stelle nel cerchio del sole – oggi alle ore 12.00, nella sala del sottocoro della Galleria Regionale della Sicilia Palazzo Abatellis a Palermo – seconda parte della nona edizione del progetto ideato e prodotto da Planeta Viaggio in Sicilia, realizzato in collaborazione con il Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Sicilia, frutto di un accordo di sponsorizzazione pubblico-privato.

In occasione dell’inaugurazione, Emiliano Maggi realizzerà una performance multidisciplinare in costume.

Ideato e prodotto da Planeta, azienda vitivinicola siciliana nata nel 1995 da una lunga tradizione, VIAGGIO IN SICILIA giunge alla sua nona edizione e prevede, accanto alla residenza, una mostra collettiva che nell’estate 2022 presenterà a Palermo le opere figlie delle suggestioni nate in questo percorso attraverso la terra siciliana, e tra le sei tenute dell’azienda: Ulmo a Sambuca di Sicilia, Dispensa a Menfi, Dorilli a Vittoria, Buonivini a Noto, Feudo di Mezzo sull’Etna e La Baronia a Capo Milazzo.

La mostra, a cura di Valentina Bruschi, con una sezione storica a cura di Evelina De Castro direttrice di Palazzo Abatellis, presenta al pubblico 10 opere di quattro artisti contemporanei Bea Bonafini (Bonn, 1990), Gili Lavy (Gerusalemme, 1987), Emiliano Maggi (Roma, 1977) e Diego Miguel Mirabella (Enna, 1988), un testo di Chiara Barzini (Roma, 1979) e le fotografie di Matteo Buonomo (Cinisello Balsamo, 1991) accostate ad una selezione di 10 oggetti inediti provenienti dai depositi di Palazzo Abatellis, alcuni dei quali restaurati grazie al sostegno di Planeta e presentati per la prima volta in questa sede al pubblico. La nona edizione di Viaggio in Sicilia prende il titolo Coppe di stelle nel cerchio del sole dai versi del filologo e poeta arabo-siculo Ibn al-Qattâ (Sicilia, 1041 – Il Cairo, 1121), riferiti al vino e ai fenomeni naturali, traccia preziosa di una ricca produzione e di un incancellabile intreccio di culture.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.