8 marzo: una poesia di Giampiero Amato in lingua siciliana per dire grazie a tutte le donne

1 min read

A conclusione di questa importante giornata dedicata a tutte le donne, vogliamo regalarvi una dolce poesia del giovane cantautore, musicista e poeta Giampiero Amato.

Il testo

 

Fimmina

Quánnu sému nichi un ci firriàmu tantu n’túnnu, picchi un sapému ca su íddi ca ni misiru ò munnu

Di la testa a li peri ni parìanu di nui diversi, ma io cu’ un surrìsu e un paru d’occhi la testa ci persi

Già, aviti a sapiri cà l’omu arrinèsci e si senti affermàtu, quannu na vera fimmina avi o’ sò latu

Picchi è la fimmina chi l’omu lu renni tali, comu lu signuruzzu fici u Natali

Prontu cu è? Sugnu l’amuri.. ahh, ora cà ci si tu disìu d’iri davanti all’artàri, picchi idda nascìu p’ammìa completari

La fimmina, poi quannu addivénta matri e li figghi si metti addivàri, guai a cu ci tocca un si ci pò avvicinàri

Insomma la fimmina è un mari duci senza sali, prufunnu e si tá vivi ti passa ogni mali

Cu na varcuzza d’amuri, cu li veli di rispettu, si tratta la fimmina c’avemu ntò pettu

Dícinu ca la fimmina è comu li rosi, po aviri li spini, pò fari duluri, ma la fimmina è vita, a fimmina è amuri.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *