Dalla Sicilia parte progetto “Smartphone style – quando l’APParenza crea dipendenza”

3 min read

Ci sono bambini e ragazzi che utilizzano il proprio smartphone fino a 110 volte al giorno mentre altri hanno addirittura paura di non poterlo usare semplicemente per qualche ora. C’è chi colleziona app di qualsiasi genere anche se non ne ha una reale necessità e chi invece non riesce a staccarsi dal proprio telefonino per non più di tre ore, pronti a chattare pure di notte. Dalla Sicilia una serie di associazioni di consumatori, sotto l’egida della Presidenza della Regione – servizio 3° della segreteria generale (tutela dei consumatori), promuovono un progetto per un consumo attivo e consapevole invitando soprattutto i giovani ad essere meno “attaccati” al proprio cellulare.

Il progetto si chiama “Smartphone style – quando l’APParenza crea dipendenza” ed è stato presentato stamani nel corso di una conferenza stampa promossa dal Movimento Difesa del Cittadino della Sicilia, capofila dell’iniziativa che vede come partner anche le associazioni Adiconsum, Fedeconsumatori, Aduc, Tribunale del Consumatore, Omnia.
Un utilizzo sempre più smodato delle app, soprattutto da parte delle giovani generazioni, non solo crea dipendenza e disagio, ma riduce i rapporti sociali all’interno dei nuclei familiari o dei gruppi di amici. Perfino tra le coppie, come sempre più spesso si può notare al ristorante dove in una cena romantica gli invitati sono tre: lui, lei e il cellulare.
E proprio i giovani siciliani, nei prossimi mesi, saranno coinvolti direttamente a scuola, nelle seconde di primo grado, per cercare di far comprendere loro come il telefonino possa trasformarsi in una dipendenza a seguito del continuo uso di app che, pur di incrementare i propri ricavi, tendono a prolungare con vari escamotage il tempo di utilizzo, letteralmente “incollando” i giovani al piccolissimo schermo.

Enrichetta Guerrieri

“Naturalmente non demonizziamo internet, gli smartphone e le nuove tecnologie che, soprattutto in questi ultimi mesi di restrizioni covid, hanno avuto la loro importanza, ma di certo c’è un lato oscuro, nell’utilizzo dei telefoni cellulari, soprattutto da parte delle giovani generazioni, che in pochi conoscono realmente e che crea dipendenza, come anche acclarato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità – spiega Enrichetta Guerrieri, presidente regionale del Movimento Difesa del Cittadino in Sicilia – Partendo da studi e recenti ricerche, abbiamo appurato che le giovani generazioni, ma anche gli adulti, non si rendono conto del grande utilizzo che fanno delle app scaricate sul cellulare, sottraendo tempo ai propri rapporti sociali e perfino alla propria vita. Un utilizzo anormale che in alcuni casi si trasforma in mania con il bisogno di dover continuamente controllare lo smartphone per ricevere o inviare messaggi, fare selfie, postare sui social, chattare anche di notte. Non siamo qui a dire chi non usa il cellulare scagli la prima pietra, perché tutti, oggi, utilizziamo lo smartphone, ma certamente occorre farlo in modo intelligente e moderato. Il progetto che lanciamo insieme alle altre associazioni di consumatori ha lo scopo proprio di prevenire questo tipo di dipendenza, dalla nomofobia (la paura di non avere con sé il cellulare) al vamping (la spasmodica necessità di utilizzarlo anche di notte per chattare) solo per citarne alcune che modificano in modo consistente la normale vita di relazione, a volte compromettendola”.

Il progetto prevede l’avvio di sportelli di ascolto e alcune attività di formazione in vari istituti scolastici siciliani ma anche un concorso per la realizzazione di cortometraggi da realizzare in classe. Le varie sezioni locali delle associazioni coinvolte proporranno attività sul proprio territorio di riferimento.

“Lanceremo anche un questionario che sarà somministrato nelle scuole siciliane e nei centri di aggregazione giovanile per verificare l’esatta incidenza delle dipendenze e dei modelli adottati nel mondo dei giovani consumatori – spiega Marialuisa De Simone, presidente della sezione di Palermo del Movimento Difesa del Cittadino – Con gli sportelli di ascolto andremo invece a cogliere segnali, bisogni, desideri dei destinatari del progetto. Gli incontri previsti in aula, durante le ore curricolari, saranno un momento di autoanalisi e ragionamento sull’impatto della tecnologia smartphone rispetto ai rapporti sociali e alle relazioni nel mondo scolastico e intra familiare”.

Il progetto “Smartphone style – quando l’APParenza crea dipendenza”, intervento n. 5 della Presidenza della Regione Siciliana – Segreteria Generale, è inserito nel programma generale della Regione denominato “Consumo attivo: otto progetti per un consumo consapevole in Sicilia”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *