'

'

L’Italia vanta il triste primato europeo dei bimbi in sovrappeso

2 min read

Un’altra maglia nera per il nostro Belpaese dove un bambino su tre nella fascia 6-9 anni in Italia è sovrappeso o obeso, praticamente è il tasso maggiore di tutta l’Europa. Questo è il risultato del secondo rapporto sulla malnutrizione infantile della Ong Helpcode, pubblicato in vista delle Giornate mondiali contro l’obesità del 10 ottobre e dell’alimentazione del 16 ottobre. 

Secondo il documento sono circa centomila i bambini obesi o sovrappeso con una prevalenza dei maschi (21%) sulle femmine (14%), mentre a livello globale d’altra parte il numero di bambini di età inferiore ai cinque anni obesi o sovrappeso risulta in costante aumento e ha ormai superato quota 40 milioni, 10 milioni in più rispetto al 2000.

Il rapporto di Helpcode richiama l’attenzione sul fatto che si tratta di un problema sanitario dagli enormi costi sociali ed economici, visto che solo nell’ultimo anno gli effetti di sovrappeso e obesità hanno causato 4 milioni di decessi a livello mondiale e l’impatto economico globale è stimato in 500 miliardi di dollari l’anno.

Helpcode ha lanciato inoltre quest’anno la campagna “C’era una volta la cena”, con la collaborazione scientifica della Uoc Clinica Pediatrice ed Endocrinologica dell’Istituto Giannina Gaslini, Università degli studi di Genova, con l’obiettivo di promuovere attività di monitoraggio, educazione alimentare e prevenzione della malnutrizione, a cui si aggiunge un programma di “cash and voucher” per garantire cibo sano alle famiglie in povertà. Testimoniale d’eccezione è l’attrice Claudia Gerini.

L’educazione alimentare è una delle armi principali a disposizione nel contrasto alla malnutrizione. Per questo il report di quest’anno si arricchisce di un contributo importante, il decalogo messo a punto dalla Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) con le 10+1 regole per una corretta alimentazione nei primi due anni di vita, un prontuario che tutti potranno scaricare dal sito ceraunavoltalacena.it e contribuire così a debellare la piaga della malnutrizione infantile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *